AMICI DEL CINEMA DI GALBIATE

 

Strano, è iniziato settembre e il cinema C. Ferrari di Galbiate ancora non apre ai suoi affezionati spettatori. Sembra di sentirli, i commenti, le domande e i dubbi, magari anche qualche lamentela.

Ma tranquilli, un motivo c’è: stiamo lavorando per voi, cari amici che, lo sappiamo, attendevate con ansia il via delle programmazioni del fine settimana e soprattutto del nostro cineforum “I colori del cinema”, uno dei più ricchi e seguiti del Lecchese.

Sono infatti iniziati proprio nei giorni scorsi gli ulteriori lavori di ristrutturazione, dopo quelli ultimati nel 2018, della nostra sala parrocchiale di largo Indipendenza. Lavori (che in realtà si sperava potessero partire a giugno) che dureranno circa tre mesi, con qualche inevitabile disagio a iniziare dallo slittamento dell’attività, ma che renderanno il nostro cinema ancora più confortevole e bello, nonché dotato di impianti tecnologi indispensabili come l’aria condizionata (che significa proiezioni anche nei mesi estivi).

Del resto, era troppo ghiotta l’occasione di partecipare a un Bando della Regione Lombardia che ci ha permesso di ottenere circa 200mila euro (cioè buona parte della cifra necessaria per l’intervento). E così, grazie a questo aiuto finanziario e con tempi ormai strettissimi per non rischiare di perderlo, si è aperto il cantiere che prevede, oltre all’installazione dell’aria condizionata e dell’impianto di ricambio d’aria (quest’ultimo prescritto anche delle recenti norme anti Covid), la sostituzione delle poltrone e della pavimentazione, il rifacimento del locale d’ingresso e delle casse, il rifacimento del palco con conseguente possibilità di mettere in scena anche spettacoli teatrali e musicali nonché incontri culturali di vario tipo aperti anche alle associazioni e ai gruppi che operano nel nostro territorio e la predisposizione di camerini nel sottopalco.

Si punta in alto, insomma, per rendere il cine-teatro galbiatese (ricordiamolo, una delle poche sale d’essai della zona) un punto di riferimento per tutti coloro che, soprattutto in questo difficile momento legato alla pandemia, non hanno perso la voglia di cinema di qualità, di teatro, di cultura, di confronto.

La sala Cardinal Ferrari, di proprietà appunto della parrocchia galbiatese e legata al circuito delle sale della Comunità, è del resto da molti anni ormai un esempio di come l’unione sia la vera forza: sono più di cinquanta i volontari, di tutte le età e non solo di Galbiate, che letteralmente “mandano avanti”, in tutti i suoi aspetti, l’attività del cinema-teatro. Senza di loro, la sala semplicemente non potrebbe esistere. È anche pensando all’impegno e all’altruismo di tanti volontari che siamo sicuri che alla fine dei lavori in corso tutto sarà più bello di prima. Non solo più bello, ma anche più confortevole e più sicuro (vedi anche le due importanti certificazioni ottenute recentemente sul fronte della prevenzione anti-incendi e per l’agibilità di sala di pubblico spettacolo).

Che dire, ancora? Pazientate, dunque. Noi vi aspettiamo come sempre in sala… non subito, ma molto presto.

Gruppo cinema